giornale prima guerra mondiale

Il 4 novembre è il Giorno dell'Unità nazionale e Giornata delle Forze Armate, si celebra nel nostro Paese la festa dedicata alle Forze Armate e all’unità nazionale. Ricorrenza istituita nel ricordo del 4 novembre 1918, data che ha determinato la fine per l’Italia del primo, sanguinoso, conflitto mondiale; un evento che ha segnato in maniera profonda l’inizio del secolo scorso e che, dalla fine della guerra, ha subito profondi mutamenti politici e sociali.

La Grande Guerra, ricordata come una guerra di trincea, portò sui campi di combattimento oltre 65 milioni di militari di cui, poco meno di 10 milioni non hanno fatto mai più ritorno nei loro Paesi.

 grande guerra alpini

Una guerra che ha segnato anche il crollo degli imperi che avevano caratterizzato la storia dell’Europa e la conseguente nascita delle nazioni con l’ingresso del mondo nell’età contemporanea: l'età dall’avvento delle tecnologie, della grande produzione industriale, dei movimenti di massa, delle ideologie e delle dittature.

Dalla sua istituzione ufficiale nel 1919 e fino al 1977, il 4 novembre è stato celebrato come un giorno festivo a tutti gli effetti: dall’età liberale, al fascismo, all’età repubblicana, la commemorazione della firma dell’armistizio era segnata in rosso sul calendario.

Poi, dopo una riforma delle festività nazionali, si è iniziati a celebrare la ricorrenza la prima domenica del mese di novembre e, da quel momento, la festa ha perso in parte il suo valore per poi ritrovarlo, in tempi più recenti, soprattutto grazie al presidente Carlo Azeglio Ciampi che, nel corso del suo mandato, ha rinnovato l’attenzione per le festività dedicate alla nostra storia.

 

Fonte: Wikipedia.org/wiki